Conoscere ed evitare la Sindrome da Scuotimento

Nel tentativo di calmare un bambino i genitori possono arrivare a scuoterlo involontariamente, con conseguenze drammatiche, per questo è importante affidarsi ad un pediatra a Torino per conoscerla meglio. Se siete genitori da poco in questo modo potrete avere un ottimo aiuto per questa sindrome. Approfondiamo ora la Sindrome da Scuotimento per poterla evitare.

Cos’è la Sindrome da Scuotimento

La Sindrome da Scuotimento, conosciuta anche con l’acronimo AHT, è una condizione che deriva da un violento scuotimento subito dal bambino. Questo trauma subito dall’encefalo ha delle conseguenze anche a livello neurologico. La definizione ha lo scopo di sottolineare che non solo lo scuotimento ma anche un impatto traumatico violento contro una superficie possono essere molto gravi. Se avete bisogno di un consulto o di informazioni potete recarvi dal Dottor Garofalo, pediatra a Torino ed esperto professionista.

Le conseguenze

Scuotendo con troppa forza un bambino tenendolo per le braccia o per i torace ci possono essere gravi conseguenze. Questi movimenti bruschi provocano una veloce accelerazione e decelerazione dei tessuti all’interno del cranio del bambino. Ciò porta ad una trazione del midollo cerebrale, un trauma del cervello sulla scatola cranica quindi trazione e rottura dei vasi cerebrali. Per evitare questi pericoli è bene informarsi e perciò rivolgersi ad un pediatra a Torino. Un punto di riferimenti per consigli e consulti è il Dottor Garofalo specialista in pediatria, che grazie alla sua pluriennale esperienza saprà aiutarvi.

In ogni caso esistono delle caratteristiche nel neonato che permettono di poter intervenire tempestivamente e limitare i danni. Ecco quali sono:

  • Il neonato presenta volume e peso della testa eccessivi rispetto al resto del corpo
  • La debolezza dei muscoli del collo non riescono a sorreggere la testa

In più esiste una triade caratteristica di costituita da emorragie:

  • Retinica
  • Subdurale
  • Sbaracnoidea

Il problema della Sindrome da Scuotimento sembra però essere meno raro di quello che sembra, anche perché pochi genitori conoscono questa condizione e cosa provoca al neonato. Ricordiamo però che è molto più frequente nei genitori di età inferiore ai 18 anni o generalmente poco esperti.

Quali sono i sintomi

La sindrome da scuotimento presenta una mortalità certa del 20 % e nella fase acuta presenta particolari sintomi:

  • Vomito
  • Inappetenza
  • Difficoltà di suzione o deglutizione
  • Irritabilità
  • Disturbi respiratori
  • Convulsioni e/o alterazioni della coscienza

Spesso sono proprio questi i sintomi con cui i bambini vengono condotti all’attenzione del pediatra a Torino in Pronto Soccorso. Oppure dal pediatra di famiglia da parte dei genitori stessi. Come dicevamo prima, questo testimonia che il genitore è inconsapevole dell’aver un danno al piccolo. Dai racconti dei genitori che hanno confessato di aver scosso il bambino si evince che generalmente il piccolo era stato afferrato dal torace e scosso 3-4 volte per 4-20 secondi.

Il consiglio del pediatra

Tra i bambini che sopravvivono alla fase acuta, la maggior parte presenta danni neurologici permanenti. Questi possono sono:

  • Ritardo di sviluppo psicomotorio
  • Paralisi plastica/distonica (da danni al midollo spinale)
  • Crisi convulsive
  • Disturbi comportamentali
  • Cecità o altri disturbi visivi
  • Disturbi all’udito

Conclusioni

Quindi è evidente che una conoscenza dei danni derivanti dallo scuotimento del neonato possa ridurre notevolmente i casi di questa sindrome. Infatti sono gli stessi specialisti ad avvisare i genitori. Per questo motivo rivolgersi al pediatra a Torino è sempre la prima cosa da fare, che sia per un consulto o per questioni più gravi. Un ottimo specialista è il Dottor Garofalo che sarà in grado di risolvere problematiche e patologie dei vostri bambini.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *