Garage Torino – Come usufruire delle detrazioni

Quando ci si avvicina all’idea di acquistare un garage a Torino molto spesso ci si dimentica che esistono delle detrazioni fiscali che possono arrivare fino al 50%. Come tutti sappiamo avere un garage, visto anche l’aumento dei parcheggi a pagamento nelle città, può sicuramente fare comodo. E quindi poter comprare un garage a Torino approfittando di sconti o detrazioni è sicuramente un’occasione da non farsi scappare. Perciò vediamo come poter accedere alle detrazioni per i garage a Torino tenendo presente che prima di fare un acquisto è meglio rivolgersi a degli esperti. Infatti se avete necessità di un garage a Torino potete rivolgervi a La Sterlizia, azienda leader nel settore dei garage. I loro esperti potranno indicarvi degli immobili o proporvi soluzioni di nuova costruzione, ma sicuramente riusciranno a trovare la soluzione adatta a voi.

Garage di nuova costruzione

In generale bisogna sapere che le detrazioni riguardano soprattutto i garage a Torino di nuova costruzione, infatti questi interventi rientrano nelle spese per il recupero del patrimonio edilizio. L’obbligo fondamentale è che l’intervento sia pertinente all’unità dell’immobile. In realtà questo tipo di lavorazione non c’entra molto con il concetto di intervento di recupero, visto che l’agevolazione è relativa all’acquisto dell’immobile. Infatti prendono validità sul garage a Torino già realizzato da un’impresa di costruzione. Inoltre, proprio l’azienda che l’ha costruito dovrà certificarne il prezzo di edificazione. Quindi in definitiva va ricordato che la detrazione sarà applicata sull’importo di costruzione, e non su quello che pagherete al venditore. Di conseguenza sono esclusi dal beneficio delle detrazioni gli acquisti effettuati presso privati o imprese che non si siano occupate anche della costruzione.

Come accedere alle detrazioni

Va detto che le detrazioni non si riferiscono solo a garage a Torino costruiti da imprese. Infatti si può usufruire delle agevolazioni anche per la costruzione in proprio di un garage. Questo purché si tratti di un box auto di pertinenza ad un appartamento o abitazione. Infatti in questi casi il vincolo di pertinenza deve essere indicato nella concessione edilizia.

Per quanto riguarda gli adempimenti che sono necessari per usufruire dei benefici delle detrazioni, possiamo dire che sono gli stessi previsti per le ristrutturazioni. E quindi:

  • il pagamento deve avvenire con bonifica bancario o postale
  • la causale del versamento
  • codice fiscale del soggetto che effettua il pagamento
  • partita Iva o codice fiscale del beneficiario del pagamento
  • dati catastali identificativi dell’immobile

Inoltre chi acquisterà il garage a Torino dovrà conservare ed esibire i documenti relativi all’immobile quando l’Agenzia delle Entrate lo richiede. Nel caso in cui l’atto sia stipulato dopo il versamento di acconti, secondo l’Agenzia stessa, la detrazione spetta solo se il bonifico è stato regolarmente registrato come compromesso di vendita. Se dovesse mancare un preliminare di acquisto registrato, tutti gli eventuali pagamenti che sono stati effettuati prima dell’atto notarile non saranno ammessi nella detrazione. Se doveste trovarvi in questa situazione, sappiate che al momento del pagamento non può essere riscontrata l’effettiva esistenza del vincolo di pertinenza. Perciò fate attenzione prima di procedere all’acquisto di un garage a Torino, soprattutto perché il vincolo è obbligatorio per poter accedere alle detrazioni ed è richiesto per norma.

Conclusioni

Per concludere ricordiamo che, secondo l’Agenzia delle Entrate, la condizione del vincolo di pertinenza può comunque essere considerata come realizzata anche in altre occasioni. Quella che si verifica con più frequenza è l’ipotesi in cui il bonifico viene effettuato nelle stesso giorno dell’atto notarile. Il più delle volte in un orario antecedente rispetto alla stipula. Quindi ricordate di fare attenzione infatti, anche nel settore dei garage, la burocrazia necessita di tempo per essere processata e registrata.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *