Tinteggiatura – Si può imbiancare anche d’inverno

Spesso ci si chiede se si possa eseguire la tinteggiatura anche in inverno. Quando ci poniamo questa domanda quasi sicuramente abbiamo deciso di dare nuova vita alle pareti della nostra abitazione. In linea generale sarebbe meglio tinteggiare le pareti esterne in estate e quelle interne in inverno. E’ anche vero che non esiste una formula fissa per queste situazioni, perciò per essere sicuri sul da farsi è sempre meglio affidarsi a dei professionisti. Quindi se volete eseguire la tinteggiatura del vostro appartamento e non sapete quale sia il periodo migliore, chiedete consiglio agli esperti di ADM Painting Service. Grazie alla loro pluriennale esperienza questi specialisti del settore della tinteggiatura sapranno darvi utili consigli ed occuparsi di tinteggiare la vostra abitazione se volete affidare le lavorazioni a dei professionisti. Detto questo vediamo di capire quando è meglio eseguire la tinteggiatura delle pareti.

Quando tinteggiare

Ogni volta che ci troviamo a dover eseguire la tinteggiatura della nostra abitazione dobbiamo tenere presente che:

  • per le pareti interne sono più indicati i periodi invernali
  • per i muri esterni i mesi estivi

Detto questo però, soprattutto se si vuole concludere la tinteggiatura in un periodo breve, bisogna tenere conte delle problematiche presenti nell’ambiente. Infatti una stanza può rimanere umida sia d’estate che d’inverno, finendo per pesare su chi eseguirà i lavori. Quest’ultimo dovrà assumersi le responsabilità della buona riuscita del lavoro, in qualsiasi periodo dell’anno. In ogni caso tenete presente che non esistono regole fisse, soprattutto nel settore della tinteggiatura che dipende da diversi fattori. Infatti oltre a valutare la zona climatica ci sono delle variabili da prendere in considerazione. Vediamo quindi di analizzare tutte questi punti, ricordando che incidono sempre sull’esito della tinteggiatura, a prescindere che sia all’interno o all’esterno.

Le variabili principali

Come abbiamo detto ci sono molte variabili a considerare quando si eseguono lavori di tinteggiatura. Analizziamo i principali insieme:

  • I prodotti – bisogna considerare la qualità dei prodotti che andremo ad utilizzare dal momento che varia da prodotto a prodotto. La prima cosa da fare è controllare sempre la scheda tecnica, sulla quale potrete trovare le indicazioni relative all’applicazione dello stesso prodotto.
  • La temperatura – si tratta di un fattore estremamente importante che non comprende solo il grado di calore della stanza in cui eseguirete la tinteggiatura. Infatti dovrete considerare anche la temperatura del supporto che userete per tinteggiare. Questa temperatura è data da diversi fattori come la composizione dei supporti, le varie esposizioni, dalle zone d’ombra o l’inerzia termica dei vari materiali. Per essere certi che la temperatura sia quella giusta per eseguire la tinteggiatura potete acquistare dei rilevatori per la temperatura dei supporti. Ricordate che per portare a termine un buon lavoro la differenza di temperatura tra ambiente e supporti non deve superare i quindici gradi.
  • L’essiccazione – un altro elemento da tenere in considerazione è il tempo di essiccazione delle vernici e dei prodotti che utilizzerete. L’essiccazione varia sia in base alla temperatura che per l’intensità dell’aria e per la percentuale di umidità. Spesso capitano situazioni in cui si è tinteggiato ad una temperatura accettabile ma senza tener conto che nelle ore successive la temperatura cambia. In questo modo si possono creare problematiche che, se si tenesse conto dell’essiccazione, non si presenterebbero.

Conclusioni

Per concludere ricordiamo che per ottenere una buona tinteggiatura è meglio non dare il bianco con temperature troppo rigide. Infatti il consiglio è quello di valutare il tempo di essiccazione della vernice, ma soprattutto la temperatura degli ambienti che andrete a tinteggiare. Per farlo, e quindi essere sicuri del lavoro che state facendo, sono disponibili strumenti in grado di aiutarvi come i termometri ambientali.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *